Villoresi News

2023 – Parabiago 8 marzo Venere al Volante

2023 – Parabiago 8 marzo Venere al Volante

31/03/24

Vai al video

8 marzo: le “Veneri del volante”

In occasione dell’8 marzo, l’Associazione veicoli storici Villoresi omaggia la passione delle donne per le auto

Parabiago – Si inaugura ufficialmente la settimana dedicata alla Giornata Internazionale delle Donne e i primi fiori di mimosa iniziano a fare capolino. A Parabiago è stata l’Associazione Veicoli Storici Villoresi a dare il via ai festeggiamenti con un aperitivo dedicato alle “Ladies Driver”.

L’appuntamento si è tenuto domenica 5 marzo ed è stato l’occasione, per molti, di scoprire il “Villino Luisa” di proprietà della famiglia Bracciani che è stata la location perfetta per accogliere l’evento “Veneri al Volante“, un evento festoso dove si sono potute ammirare  30 vetture d’epoca guidate, rigorosamente, dalle rispettive proprietarie.

“L’associazione ha dimostrato, se ce ne fosse ancora bisogno, che la passione per i motori non è prerogativa solo del genere maschile e che le motivazioni che la alimentano sono praticamente le stesse per Donne e Uomini. Le entusiaste dei motori, infatti, si avvicinano a questo mondo perché affascinate dalla linea di un determinato modello, oppure attratte dalle prestazioni, magari era la vettura che desideravano quando ancora non avevano la patente, ci sono le amanti delle Spider Giapponesi (erano presenti 2 Mazda MX-5 NA) oppure ancora è la vettura che è sempre stata nella propria famiglia; era presente un’appassionata di MINI Classiche che ne ha una tatuata sul Braccio”, scrivono dall’associazione.

Chi sono le Lady Driver?

A chiarirlo è Alessandro Berni, “motore” organizzativo dell’associazione: “Non è facile realizzare un profilo della Lady Driver; sicuramente non ci troviamo di fronte a Donne pazienti che assecondano le passioni del compagno. Se poi vogliamo analizzare bene la storia dell’auto ci rendiamo conto che il legame tra donne e automobili è un amore che risale alle genesi della motorizzazione. E’ proprio grazie a Bertha Benz che intraprese il primo viaggio in auto con la scusa di andare a trovare la Madre che oggi esiste il costruttore premium Mercedes, infatti Karl Benz brevetto e costruì il primo prototipo di automobile, ma nessuno voleva acquistarlo, solo grazie all’impresa “pubblicitaria” di Bertha si comprese che l’automobile era un mezzo di trasporto valido“.

Anche in italia le paladine delle quattro ruote non mancano, ma sapete come si chiama la prima donna italiana patentata? Fu la contessa veneziana Elsa Albrizzi che, al contrario di quanto si possa pensare, non ha organizzato regate di gondole e caorline, bensì raduni automobilistici e prove di resistenza. Fu lei a fondare, nel 1899 il Club Automobilisti Veneti. Anche la Regina Margherita di Savoia fu una vera e propria signora del volante e collezionò gioielli automobilistici da sfoggiare nelle diverse occasioni d’uso. Ma la sfilata di donne e motori non si ferma qui e arriviamo a Maria Teresa De Filippis, debuttò al paGran Premio del Belgio nel 1958 al volante della Maserati 250F diventando la prima Donna pilota in Formula uno.
Le informazioni riportate arrivano direttamente dall’Associazione Veicoli Storici Villoresi ed è un saggio delle tante storie che le auto sanno veicolare e che l’associazione si propone di diffondere. Il lavoro dei soci è volto inoltre a tutelare il parco circolante, considerato un vero e proprio patrimonio ingegneristico, di design e, soprattutto, umano da tramandare alle future generazioni. “Chiunque voglia avvicinarsi al
motorismo d’epoca ed avere informazioni precise – fanno sapere dall’associazione – può rivolgersi ai Veicoli Storici Villoresi, contattando
l’associazione attraverso i canali on line.  E Ricordate: “Chiunque possieda una vettura d’epoca può essere considerato il curatore di un piccolo museo indipendentemente dal valore economico dell’auto!”

Donne, motori e sicurezza… i dati attuali

Secondo gli studi curati dall’organizzazione no profit statunitense Highway Safety, le donne rischiano più incidenti automobilistici degli uomini. Il motivo? Guidano, statisticamente, vetture più piccole e più leggere deglli uomini e gli incidenti in cui rimangono coinvolte sono, nella maggior parte dei casi, impatti laterali.

Un’altra ricerca, condotta questa volta dalla belga Vias Institute ribalta, qualora ce ne fosse ancora bisogno, lo stereotipo “donna al volante, pericolo costante, affermando che le donno al volante risultano molto più attente degli uomini e sono quindi più soggette a subire gli incidenti automobilistici. Secondo le cifre indicate il 44% di chi ha conseguenze lievi, il 23% di chi viene ferito gravemente e il 34% di chi subisce danni gravi in seguito di sinistri, è rappresentato dal genere femminile. Inoltre, ogni 1.000 lesioni corporali per incidenti, 10 coinvolgono una donna, 19 i maschi.

Laura Defendi 

Amici dell’Associazione

La Nostra Community di Eccellenti Sostenitori, Brand e Aziende! Scopri e Apprezza coloro che Contribuiscono Attivamente al Successo di Veicoli Storici Villoresi. Unisciti alla Lista degli Amici dell’Associazione e Supporta insieme a Noi la Passione per il Patrimonio Motoristico

Associazioni Amiche

Ruote storiche Lainatesi

Scuderia storica A.R.Chiapparini

Contatti

L’Associazione si riunisce a Garbatola

in via Montenevoso tutti i secondi

martedì del mese dalle 21 alle 23

Email

info@veicolistoricivilloresi.it

segreteria@veicolistoricivilloresi.it

Cellulare

3792443971

Contattaci

L’Associazione si riunisce a Garbatola in via Montenevoso (Scuola Elementare)
tutti i secondi martedì del mese dalle ore 21 alle 23

E-mail: info@veicolistoricivilloresi.it

E-Mail: segreteria@veicolistoricivilloresi.it

Cell: 379-244-3971